BimBumBau FVG per B-dog – Il “Mio” Cane

 

 

L’espressione “il mio cane” viene spesso additata come brutta, irrispettosa, reificatoria, ecc. in realtà, come sempre, dipende… ma da che dipende? Dipende da che punto di vista guardi il mondo!

Mio” può essere inteso come puro possesso e mancanza di rispetto dei bisogni altrui ma può anche essere inteso come parte di una relazione; lui è il mio cane ma io, dall’altra parte di una relazione a due, sono la sua persona.

Il “mio” si usa in tutte le relazioni: mia mamma, mio papà, mio figlio, il mio ragazzo, il mio amico e in nessuna relazione che vede come protagonisti due umani si considera il “mio” come un termine brutto.. perché in una relazione (che sia congrua, corretta, equilibrata e responsabile) tra un umano e un qualsiasi altro animale il termine “mio” dovrebbe avere un significato negativo?

“Mio” sottintende che io sono “suo” e questo rapporto di reciprocità all’interno di una relazione sana è un termine non solo bello ma da pronunciare con orgoglio!

Elisabetta Elianto per B-dog

Tags: